Barletta Calcio, il borsino della rosa che fu e che verrà

Tra contratti in scadenza e idee di rinnovo si pensa alla prossima stagione


luca_guerra.jpg
LUCA GUERRA
Lunedì 21 Maggio 2012 ore 00.00

E' calato il sipario sabato 19 maggio sull'annata del Barletta Calcio 2011/2012: ultimo giorno di una stagione, quella biancorossa, purtroppo conclusa con l'amara esclusione dai play-off. Nelle ultime ore dell'anno calcistico tempo è trascorso tra saluti e arrivederci vari e si è vista anche qualche lacrima tra i vari calciatori al passo d'addio. Da 48 ore, dunque, i calciatori protagonisti nel sodalizio biancorosso nella stagione appena finita sono in vacanza e i pensieri di club e dirigenza sono già rivolti alla stagione 2012/2013. I prossimi giorni saranno decisivi per strutturare e pianificare il torneo che verrà, e capire se il presidente Roberto Tatò vorrà confermare il progetto biennale e competere nuovamente per la lotta al vertice. Da decifrare i piani inerenti le cariche tecniche, dal direttore sportivo all'allenatore, con la posizione di Nello Di Costanzo, il cui contratto è in scadenza, in bilico, mentre per quanto concerne i 23 calciatori che hanno terminato l'anno 2011/2012 la situazione è tutta da valutare. Analizziamo insieme le loro posizioni contrattuali ruolo per ruolo:

PORTA- Certa la conferma di Pasquale Pane, che vanta un altro anno di contratto con il club: il portiere campano sembra aver convinto ambiente e staff tecnico, e potrebbe mantenere la maglia da titolare. Legame annuale che vede come possessore anche Vincenzo Sicignano: il futuro del portiere classe 1974 è tutto da valutare, tra la possibilità di un addio al calcio e le idee di vivere un altro anno da "chioccia". Scritto è invece il domani di Pietro Marino: il lungagnone (202 cm) portiere arrivato in prestito dalla Reggina a gennaio ha collezionato una sola presenza, a Latina, e tornerà sulla riva calabrese dello Stretto;

DIFESA- Saluterà certamente la truppa Andrea Pisani, che era arrivato in Puglia in prestito dalla Juventus, dopo l'esperienza al Portogruaro, ma non ha trovato molti spazi; con lui probabilmente andrà via anche Michelangelo Minieri, condizionato dai troppi infortuni all'ombra di Eraclio. Il difensore romano, arrivato a gennaio dal Vicenza, ha un buon mercato in serie B. Quasi certo l'addio di Georgios Pelagias, che non ha convinto e potrebbe rescindere il legame contrattuale con il club, mentre sembrano più che probabili le conferme di Francesco Mazzarani, Vincenzo Migliaccio e Andrea Mengoni, legati da un altro anno di contratto al sodalizio biancorosso. In bilico la posizione di Filippo Petterini, le cui prestazioni sono risultate altalenanti nel corso della seconda metà del torneo. Va in scadenza Mattia Masiero: difficile che per il terzino destro veneto vi sia un rinnovo contrattuale;

CENTROCAMPO- E' il reparto che al momento presenta il maggior numero di potenziali addii: vanno in scadenza Simone Guerri, Federico Cerone e Fabrizio Romondini, arrivato in prestito dal Pergocrema a gennaio e a fine contratto con i lombardi, mentre Vincenzo De Liguori e Yonese Hanine torneranno rispettivamente a Nocera Inferiore e Verona, sponda-Chievo, per fine prestito. Tra i calciatori che terminano il 30 giugno prossimo il proprio legame con il sodalizio biancorosso, il solo Cerone non sembra avere alcun margine di riconferma. Qualche spiraglio c'è per Guerri, che ha manifestato più volte il desiderio di rimanere a Barletta, e Romondini. Da valutare anche il destino di Domenico Di Cecco, che potrebbe tornare a Lanciano ma sarebbe utile anche qui, in particolare in una mediana a 3. L'unico al momento contrattualizzato con il Barletta (scadenza giugno 2013) è Giacomo Zappacosta, quest'anno raramente a disposizione per diversi guai fisici;

ATTACCO- In scadenza c'è il solo Saveriano Infantino, altro esponente della "vecchia guardia": al momento con il bomber di Tolve non si è parlato di rinnovo, ma Infantino potrebbe comunque rientrare nel progetto del Barletta che verrà; un accordo per un altro anno lega al club biancorosso Francesco Di Gennaro, Fabio Mazzeo e Tony Schetter. Per il primo, che ha deluso con soli 2 centri all'attivo, potrebbe profilarsi una cessione, difficile però da realizzarsi per l'elevato ingaggio. Mazzeo e Schetter, se i progetti di grandeur del presidente Tatò restassero validi anche per la prossima stagione, potrebbero restare in rosa, a meno di offerte da capogiro o dalla cadetteria, serie che difficilmente i due rifiuterebbero. I contratti più "solidi" sono sugli esterni: l'accordo con Raffaele Franchini scade a giugno 2014, e l'attaccante romagnolo potrebbe aver conquistato la riconferma con il buon finale di stagione, mentre un destino diverso potrebbe vedere protagonista Daniele Simoncelli. L'attaccante bresciano ha rinnovato nello scorso settembre fino al 2014, ma le dinamiche dell'ultimo torneo, che l'hanno visto troppo discontinuo e poco impiegato da Di Costanzo, potrebbero portarlo a cambiare aria per trovare nuove motivazioni dopo tre stagioni in biancorosso.
(Twitter: @GuerraLuca88)
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RACCOGLITORI SPECIALI RECENTI:
RUBRICHE AGGIORNATE:

Barletta Calcio
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
BarlettaLife è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani